Asma da esercizio fisico: può colpire chiunque?

17 Mag, 2024

Asma da esercizio fisico: può colpire chiunque?

asma da esercizio fisico - Nicola Dardes Pneumologo Roma
Home » Domande frequenti » Asma » Asma da esercizio fisico: può colpire chiunque?

L’asma da esercizio fisico (EIA), o broncocostrizione indotta dall’esercizio (EIB), è una variante dell’asma.

È una condizione in cui l’esercizio o un’intensa attività fisica attiva una broncocostrizione acuta in individui con elevata reattività delle vie aeree.

L'asma da esercizio fisico è riscontrabile soprattutto in coloro che soffrono di asma (broncocostrizione indotta dall'esercizio fisico in persone asmatiche).

Può, però, verificarsi anche in pazienti, con risultati spirometrici a riposo normali, soggetti a reazioni allergiche, rinite allergica o fibrosi cistica.

E anche in persone sane, molte delle quali sono atleti ad alto livello. Oppure che svolgono attività in situazioni di clima freddo. In questi casi si parla di broncocostrizione da esercizio fisico negli atleti.

L’asma da esercizio fisico è spesso una diagnosi trascurata. L'asma sottostante può essere, infatti,silente in circa il 50% dei pazienti, tranne che nel corso dell'esercizio fisico.

Il meccanismo di azione di questa malattia è controverso. La patologia può essere mediata dalla perdita di acqua dalle vie aeree, dalla perdita di calore dalle vie aeree o da una concomitanza di entrambe le condizioni.

Le vie aeree superiori sono progettate per mantenere l’aria inspirata al 100% di umidità e la temperatura corporea a 37°C . Il naso non è in grado di condizionare la maggiore quantità di aria necessaria per svolgere l’esercizio. In particolare ciò accade quando gli atleti respirano attraverso la bocca.

I flussi anomali di calore e acqua nell'albero bronchiale provocano, quindi, broncocostrizione. Questa si manifesta entro pochi minuti dal completamento dell'esercizio.

I risultati degli studi sul lavaggio broncoalveolare non hanno, però, messo in evidenza un aumento dei mediatori dell’infiammazione.
Questi pazienti di solito sviluppano un periodo refrattario. E in questa fase un secondo sforzo fisico non causa un grado rilevante di broncocostrizione.

Quali fattori, allora, contribuiscono ai sintomi di asma da esercizio fisico (sia nelle persone asmatiche che negli atleti)?

  • – Esposizione all’aria fredda o secca
  • Inquinanti ambientali (p. es., zolfo)
  • – grado di iperreattività bronchiale
    Cronicità dell’asma e controllo dei sintomi
    Durata e intensità dell’esercizio fisico
    Esposizione agli allergeni negli individui atopici
    – Presenza simultanea di infezione respiratoria 

Comunque, la valutazione e la diagnosi di questa variante dell'asma riguardano più spesso bambini e giovani adulti piuttosto che persone anziane. Ed è associata a livelli elevati di attività fisica.

La patologia è osservabile in persone di qualsiasi età in base al livello di reattività delle vie aeree e al livello di sforzo fisico.