Trattamento dell’asma: cosa è cambiato? Un contributo

12 Mar, 2024

Trattamento dell’asma: cosa è cambiato? Un contributo

trattamento dell'asma - Nicola Dardes Pneumologo Roma
Home » Patologie respiratorie » Asma bronchiale » Trattamento dell’asma: cosa è cambiato? Un contributo
Un contributo del dottor Neil Skolnik

“Sono il dottor Neil Skolnik. Oggi parlerò dell’aggiornamento 2023 della Strategia globale per la gestione e la prevenzione dell’asma. Ci occupiamo del trattamento di molti casi di asma e ci sono alcuni cambiamenti importanti, in particolare riguardo all’uso dell’albuterolo.

Esistono due linee guida principali per quanto riguarda l’asma, la linea guida Global Initiative for Asthma (GINA) e le linee guida del National Heart, Lung, and Blood Institute degli Stati Uniti.

Ho avuto il privilegio di far parte del gruppo di lavoro di esperti per le linee guida statunitensi. Ma quello che mi piace delle linee guida GINA è che vengono aggiornate ogni anno. Quindi ci aiutano davvero a stare al passo con i rapidi cambiamenti nel campo. Oggi mi concentrerò sulla valutazione e sul trattamento dell’asma”.

Oltre la metà dei pazienti con asma non sono ben controllati. Perciò è importante valutare il controllo ad ogni visita per asma.

Il controllo dell’asma ha due ambiti: il controllo dei sintomi e il rischio di future riacutizzazioni. Non è sufficiente chiedere semplicemente: “Come va la tua asma?”. Molti pazienti, infatti, sopravvalutano il proprio controllo e convivono con sintomi persistenti. Esistono molti strumenti di valutazione. L’Asthma Control Test (ACT) si concentra sui sintomi, mentre il nuovo Asthma Impairment and Risk Questionnaire (AIRQ) valuta sia i sintomi che il rischio di riacutizzazioni.

La valutazione GINA è probabilmente la più semplice da implementare, con solo quattro domande relative alle ultime 4 settimane.

Hai avuto:

  • – sintomi diurni più di due volte in una settimana?
    – risvegli notturni a causa dell’asma?
    – bisogno di farmaci beta-agonisti a breve durata d’azione (SABA), come l’albuterolo, più di due volte in una settimana?
    – limitazioni nelle attività a causa dell’asma?
L' asma ben controllato è definito come una risposta negativa a tutte e quattro queste domande. Quello parzialmente controllato è una o due risposte "sì" e l'asma non controllato è costituito da tre o quattro risposte positive.

Non è possibile modificare la terapia di un paziente se non si sa se la sua asma è ben o scarsamente controllata. Noterai che queste domande si concentrano sul controllo dei sintomi. È importante anche informarsi sui fattori di rischio per le riacutizzazioni, in particolare sulle riacutizzazioni precedenti.

Gli obiettivi del trattamento dell'asma sono il controllo dei sintomi e l’evitamento delle riacutizzazioni. Le linee guida GINA sottolineano che anche i pazienti con asma lieve possono avere riacutizzazioni gravi o fatali.

GINA consiglia due percorsi di gestione.

Il percorso preferito utilizza corticosteroidi inalatori (ICS)-formoterolo sia come terapia di mantenimento che al bisogno (MART). Viene offerta anche la traccia 2, senza l’uso di ICS-formoterolo per MART, riconoscendo che l’uso di ICS-formoterolo per MART non è approvato dalla Food and Drud Administration statunitense. Esiste un diagramma di cura graduale facile da seguire che vale la pena guardare; si trova a pagina 66 del PDF delle linee guida GINA.

Medscape Medical News