Criodenervazione bronchiale per asma grave: uno studio pilota

4 Giu, 2024

Criodenervazione bronchiale per asma grave: uno studio pilota

criodenervazione bronchiale per asma grave
Home » Studi e Ricerche » Criodenervazione bronchiale per asma grave: uno studio pilota

È stato dimostrato che il targeting del sistema nervoso parasimpatico che innerva le vie aeree con prodotti farmacologici migliora gli esiti clinici dell’asma grave.

La criodenervazione bronchiale (BCD) è un nuovo trattamento non farmacologico per l’asma grave che utilizza una sonda a palloncino endobronchiale introdotta tramite broncoscopia per eseguire, appunto, la denervazione dei rami bronchiali del parasimpatico.

Infatti gli studi preclinici hanno dimostrato che il BCD interrompe in modo significativo l’innervazione vagale nel polmone.

Metodi: in questo studio pilota prospettico monocentrico i ricercatori hanno arruolato un totale di 15 pazienti con asma grave.

Hanno, poi, sottoposto i pazienti a trattamento con BCD biforcato a un intervallo di 30 giorni dopo la valutazione basale.

Il follow-up di 12 mesi comprendeva la valutazione degli eventi avversi, della fattibilità tecnica e dei cambiamenti nella funzione polmonare. Inoltre il questionario sul controllo dell’asma-7 (ACQ-7) e il test di controllo dell’asma (ACT).

Risultati: la criodenervazione bronchiale (BCD), su tutti i 15 pazienti con asma grave, ha quindi registrato una fattibilità tecnica del 96,7%.

Non si sono verificati eventi avversi gravi in relazione al dispositivo. Invece 2 in relazione alla procedura nel corso dei 12 mesi, che si sono risolti senza sequele.

L’evento avverso non grave relativo alla procedura più frequente è stato un aumento della tosse nel 60% (9 su 15) dei pazienti.

La funzione polmonare è rimasta invariata e ci sono stati miglioramenti significativi rispetto ai punteggi basali ACQ-7 (media, -1,19, p = 0,0032) e ACT (media, 3,18, p = 0,0011) dal follow-up del primo mese dopo un trattamento delle vie aeree a singolo polmone, con tendenze simili fino alla fine dei 12 mesi di follow-up.

Conclusione: questo studio fornisce, pertanto, la prima prova clinica della sicurezza, della fattibilità e dell'efficacia iniziale del BCD nei pazienti con asma grave.

Autori: Kun Wang ; Shaoyong Gao ; Jiaxing sole ; Ximing Liao ; Xin Zhang ; Rongzhang Chen ; Rongjuan Tang ; Yuanyuan Wang ; Yan Shang ; WujianXu; Qiang Li

Fonte: S. Karger AG