Studi su Long Covid per trattamento di alcuni sintomi

13 Mag, 2024

Studi su Long Covid per trattamento di alcuni sintomi

Studi Long Covid - Nicola Dardes Pneumologo Roma
Home » Studi e Ricerche » Studi su Long Covid per trattamento di alcuni sintomi

In tema di studi sul Long Covid, negli Stati Uniti sono al via due trial clinici condotti dai NIH (National Institutes of Health) Recover Sleep e Recover Energize.

L’obiettivo è indagare potenziali trattamenti per risolvere alcuni sintomi come disturbi del sonno e intolleranza all’esercizio fisico. Ma anche il peggioramento dei sintomi a seguito di uno sforzo fisico o mentale noto come malessere post-sforzo (PEM).

I nuovi trials fanno parte dell'iniziativa Researching Covid to Enhance Recovery (Recover) dei NIH. Andranno ad aggiungersi ad altri sei studi sul Long Covid attualmente in corso sempre negli Usa.

Questi ultimi hanno l’obiettivo di testare trattamenti in grado di far fronte alla persistenza virale e ai sintomi di natura neurologica. Come la disfunzione cognitiva (la cosiddetta “brain fog” o nebbia cerebrale) e la disfunzione del sistema nervoso autonomo.

I due nuovi studi inizieranno a breve e includeranno circa 1.660 partecipanti arruolati in 50 siti.

“L'insieme di sintomi che questi studi cercheranno di focalizzare e risolvere sono dirompenti e devastanti per così tante persone che lottano con il Covid da molto tempo". Questo ha affermato Walter J. Koroshetz, M.D., direttore dell'Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus del NIH e co-responsabile dello studio.

E poi ha continuato: “Quando le persone non riescono a dormire bene, non possono fare esercizio fisico e si sentono male seguendo compiti che prima erano semplici, l’angoscia fisica e mentale può portare a sentimenti di totale impotenza. Abbiamo urgentemente bisogno di trovare risposte per aiutare coloro che lottano con il Long Covid a sentirsi di nuovo bene”.

Uno dei due studi sul Long Covid si occuperà di testare due farmaci: modafinil e solriamfetol. La Food and Drug Administration li ha approvati per il trattamento di chi ha problemi a rimanere sveglio durante il giorno (ipersonnia).ià

Si tratta di farmaci già sul mercato ma di cui manca un'attenta analisi nelle persone con i sintomi da Post Covid. I partecipanti riceveranno in modo casuale il farmaco attivo in studio o un controllo placebo per 8-10 settimane, in base al farmaco che riceveranno.

L’altro dei due studi sul Long Covid, invece, servirà per indagare potenziali trattamenti relativi a disturbi complessi del sonno.

Tra questi trattamenti sarà presente anche la melatonina, un integratore da banco che usano solitamente persone con disturbi del sonno e insonnia generale. Verrà considerata anche la terapia della luce, che viene utilizzata per aiutare le persone a ripristinare i cicli del sonno.

I partecipanti riceveranno in modo casuale la melatonina. Oppure un controllo placebo e terapia della luce ad alta intensità (attiva) o terapia della luce a bassa intensità (placebo) per otto settimane.

Nell’ambito di questi studi clinici Recover-Energize verrà eseguito un ulteriore trial. Servirà per testare un programma che combina l’ allenamento fisico con la riabilitazione cardiopolmonare ad personam.

L’obiettivo è aiutare i pazienti che, a seguito dell’infezione da Covid 19, presentano intolleranza all’esercizio fisico. E che, durante il suo svolgimento,  manifestano sintomi come mancanza di respiro e affaticamento.